Progetto P.R.I.S.M.A. per l’inserimento sociale dei minori

Ascoli Piceno, 7 marzo 2018 – Il progetto P.R.I.S.M.A – Promozione di un Reale Inserimento Sociale di Minori e Adolescenti è un progetto realizzato dalla cooperativa sociale PARS “Pio Carosi” Onlus insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno nel territorio del comune di Montefortino e dell’Ambito Territoriale Sociale XXIV.

Il progetto P.R.I.S.M.A, destinato a tutta la popolazione del territorio, ha come obiettivo principale quello di agire sulle fasce più deboli, ovvero i minori svantaggiati ed i minori stranieri non accompagnati, ospiti delle Comunità Educative per Minori, gestite dalla PARS.

La progettualità, che ha durata 24 mesi, è resa possibile grazie al particolare sostegno messo in campo dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno che investe in iniziative innovative e di sperimentazione di nuovi modelli di rete con ricaduta sul territorio. Il progetto, infatti, coinvolge una rete diversificata di soggetti co attuatori: il comune di Montefortino, l’Ambito Sociale Territoriale XXIV, l’associazione di volontariato Parsifal Onlus, la cooperativa sociale Koinonia Onlus, l’associazione Ut Re Mi onlus, la cooperativa sociale San Michele Arcangelo Soc. Coop. Agricola e l’Associazione Cacuam e l’Università degli Studi di Macerata in veste di soggetto valutatore esterno.

I minori presenti hanno bisogno di realizzare attività che permettano loro di realizzarsi e di integrarsi sul territorio”, commentano i referenti Pars. “Questo intervento mira a creare sinergia con la popolazione residente a Montefortino e nei comuni limitrofi”.

Le attività, volte a qualificare il tempo libero dei minori, si svilupperanno in servizi formativi, educativi, ricreativi e culturali: attività formative dedicate ai minori ospiti nelle comunità (percorsi di apprendimento della lingua italiana, di educazione civica e di cittadinanza, organizzati dalla PARS); attività di formazione dedicate a tutta la cittadinanza (corsi di lingua inglese e di informatica); laboratori formativi artigianali; tirocini formativi, laboratorio di musica; implementazione di attività sportive e culturali, de briefing psicologico dedicato a ridurre  o eliminare le conseguenze psicologiche causate dal sisma; eventi ludici e culturali per favorire l’integrazione. Tutte le attività verranno monitorate periodicamente, per poter correggere eventuali criticità. Le valutazioni saranno affidate all’Università degli Studi di Macerata.

 

PRISMA 2

Comments are closed.