Acri forma dirigenti e funzionari delle Fondazioni alla coprogettazione. Galeati: “Un riconoscimento importante che testimonia la continua innovazione sociale e organizzativa portata avanti dalla Fondazione”

Ascoli Piceno, 6 novembre 2020 – L’Acri, l’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa, realizzerà un intervento formativo sulla progettazione partecipata (coprogettazione) riservato ai dirigenti ed ai funzionari delle Fondazioni bancarie italiane. La scelta, importante e strategica, è finalizzata a favorire la collaborazione tra le Fondazioni e i diversi enti presenti nei territori; collaborazione che ha acquisito nel tempo importanza sempre maggiore per assicurare interventi efficienti e accrescere l’impatto socio-economico degli stessi a vantaggio delle comunità a cui sono rivolti.

Per la Fondazione Carisap, la scelta dell’ACRI, rappresenta la piena validazione di un percorso intrapreso oramai da più di un anno, attraverso la previsione della coprogettazione quale uno tra i principali strumenti previsti per l’attuazione del Piano pluriennale 2020/2022. Con tale scelta la Fondazione di Ascoli Piceno ha sicuramente anticipato i tempi privilegiando una logica collaborativa e partecipata rispetto ad un modello competitivo tipico del bando; il modello è stato preso di esempio e da riferimento per un interessamento formativo in ambito nazionale. Ulteriori conferme sullo strumento innovativo della coprogettazione sono intervenute anche a livello nazionale con il pronunciamento della Corte costituzionale di giugno 2020 e con la previsione dello stesso strumento a livello comunitario in merito alla costruzione del recovery fund nella scelta dei Paesi membri di uno modello condiviso.

Lo strumento della coprogettazione si declina con frequenza crescente nella realizzazione di progetti complessi e di investimenti significativi, anche in termini di risorse umane, che trovano concreta possibilità di realizzazione in partnership progettuali allargate, con il coinvolgimento di più attori eterogenei, con ruoli e competenze diversificati.

Angelo Davide Galeati: “Un riconoscimento importante che testimonia la continua innovazione sociale e organizzativa portata avanti dalla Fondazione”.

Comments are closed.