Festival dell’Appennino

Il Festival dell’Appennino, giunto alla quinta edizione, educa alla conoscenza, alla scoperta, al rispetto dell’ambiente promuovendo eventi nel territorio dei monti Sibillini, ed è promosso dall’Associazione Appennino Up insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno.

Si propone una sintesi dello stato di avanzamento delle attività progettuali al 31 dicembre 2015.

Una delle missioni della quinta edizione del Festival dell’Appennino è stata quella di accogliere ed incentivare la partecipazione e la socializzazione di minori e giovani in condizioni di svantaggio attraverso un bando che ha permesso a trecentocinquanta giovani di età inferiore a ventiquattro anni di accedere gratuitamente a tutti i servizi previsti. Il requisito di accesso è stato determinato sulla base dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE). Il Festival dell’Appennino ha proposto attività in ambiente naturale e rurale in modo da far vivere direttamente ai partecipanti la pratica motoria, sensoriale e artistica a stretto contatto con l’altro ed in piena libertà. Il Festival si è sviluppato attraverso un percorso in sette tappe ricche di suggestioni, in ognuna delle quali hanno avuto luogo spettacoli d’arte, conversazioni, tradizioni, concerti. Per ognuna delle tappe del Festival sono stati resi disponibili i necessari mezzi di trasporto, in modo da favorire al massimo l’accesso alle attività: i laboratori creativi (costruzione di giochi e giocattoli, copricapo e gioielli degli gnomi e delle fate, strumenti musicali); lo spazio ludico strutturato con molteplici giochi realizzati utilizzando materiali poveri e di riuso (biliardini, tiro a segno, sagome, pesca, hockey, bowling), i giochi di una volta (trottole, cerchi) e giochi popolari (sacchi, fune, scalpi, bandiera); l’angolo animazione, spazio dove i conduttori dei giochi e delle attività hanno animato di volta in volta spettacoli, letture animate, caccia al tesoro, giochi a stand, giochi popolari, giochi sportivi, intrattenimento musicale; il gazebo trucco per trasformarsi nei personaggi narrati dai luoghi montani attraversati (gnomi, folletti); lo spazio relax e giochi per i più piccoli. Per tutte le tappe del Festival i minori e i giovani che hanno avuto accesso al bando, hanno usufruito in maniera del tutto gratuita del pasto previsto dagli stand gastronomici presenti nei vari luoghi. Le attività si sono svolte a Montemonaco (il 2 giugno 2015), presso la Cartiera papale (il 6 giugno 2015), a Pietralta (il 7 giugno 2015), a Force (il 21 giugno 2015), a Forcella (il 4 luglio 2015), a Palmiano (il 10 luglio 2015); a Pretare (il 12 luglio 2015). Complessivamente hanno aderito al Festival quattrocento venti persone. La media di partecipazione di giovani sotto i ventiquattro anni è stata di cinquanta partecipanti per ciascun evento, ed ha pertanto pienamente soddisfatto gli obiettivi posti in fase di redazione del progetto.

Partner: Regione Marche, Bacino Imbrifero Montano del Tronto, Provincia di Ascoli Piceno, Consorzio Il Picchio.

Comments are closed.