Presentato il progetto Restauri e Devozioni:

Ascoli Piceno, 21 settembre 2018 – È stato presentato questa mattina presso la Bottega del Terzo Settore ad Ascoli Piceno il Progetto “Restauri e devozione” dell’Università di Camerino, realizzato insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno nell’ambito del Masterplan Terremoto. L’intervento mira a essere un modello replicabile in grado di creare un nuovo e appassionante dialogo tra passato e presente, dando voce alle antiche testimonianze artistiche del territorio piceno, che rappresentano le radici e l’identità delle sue comunità montane. Ciò verrà realizzato attraverso il restauro di opere artistiche devozionali locali con modalità innovative, applicando nuove tecnologie sia scientifico-diagnostiche, che multimediali e digitali. Luoghi e opere d’arte legati alla più profonda devozione di chi ha abitato le nostre terre e feriti dagli eventi sismici: dare loro voce rappresenta anche un dovere sociale per preservare il patrimonio intangibile estremamente labile.

L’obiettivo è costruire un ponte tra generazioni ancorato su semplici ma preziosi oggetti artistici devozionali e linguaggi informatici, così da riscoprire e tramandare contenuti storici, artistici e culturali, raccontati da esperti nel settore e attraverso la collaborazione della Rete Ecomuseale dei Sibillini. Il progetto si concentra su 7 comuni del territorio piceno attraverso il restauro e il recupero di oggetti di valenza storico-artistica, ma soprattutto di forte valore affettivo e devozionale. L’intento è fortemente partecipativo e vuole coinvolgere la popolazione locale, come anche i turisti, guidandoli in un viaggio che li porterà indietro nel tempo: per riscoprire le antiche tradizioni dei luoghi scelti, per conoscere oggetti d’arte dimenticati e feriti dal terremoto, svelare i loro segreti attraverso la diagnostica scientifica e infine per appassionarli al loro restauro documentandone ogni fase con video didattici.

Le opere oggetto di recupero, la cui importanza storica è docu-mentata nel progetto, sono: Dipinto su tela Immacolata Concezione – Chiesa S. Maria della Meta – Località Taccarelli Amandola; Dipinto su tela Vergine del Soccorso – Chiesa S. Giovanni Battista – Montemonaco; Affresco Madonna con bambino – Cappella presso Cimitero Palmiano; Restauro Portale Chiesa S. Maria de Cellis – Montedinove; Statua S. Antonio Abate – Chiesa S.Paolo Apostolo – Force; Brano di decorazione ad affresco parete dx – Convento di S. Francesco, Venarotta; Dipinto su tela Estasi S. Filippo Neri – Chiesa SS. Annunziata, Arquata del Tronto; Statua in terracotta Madonna con Bambino, Spelonga – Arquata del Tronto; Statua lignea Santa Caterina, Vezzano – Ascoli Piceno; Statua lignea S.Antonio – Astorara Montegallo; Statua lignea Assunta – Arquata del Tronto.

Comments are closed.