Il patrimonio della Fondazione negli ultimi tre anni è aumentato di 100 milioni di Euro

Ascoli Piceno, 7 luglio 2014 – Il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno ha presentato oggi ai mezzi di informazione i consistenti positivi effetti che le operazioni finanziarie deliberate dagli Organi della Fondazione, in particolare negli ultimi tre anni, hanno avuto ed ancora potranno avere sul patrimonio dell’ente.

Alla Conferenza stampa, che si è tenuta questa mattina presso la sede della Fondazione, hanno preso parte il Presidente Vincenzo Marini Marini, il Segretario generale Fabrizio Zappasodi, i componenti l’Organo di indirizzo, i Consiglieri di amministrazione ed i membri del Collegio dei Revisori dei Conti della Fondazione.

Una delle attività fondamentali della nostra Fondazione – ha dichiarato Marini Marini durante l’incontro con i giornalisti – consiste nel produrre denaro per la nostra comunità. Per realizzare ciò è necessario farsi carico di rischi, adottare decisioni rapide e chiare, lavorare affinché esse abbiano concreta e precisa esecuzione. Ogni qualvolta siamo chiamati ad operare delle scelte finanziarie, anche rischiose, non possiamo non considerare anche le generazioni future, impegnandoci al massimo affinché il patrimonio della Fondazione sia tutelato, capace di produrre reddito, e incrementi nel tempo. Gli Organi della Fondazione hanno rischiato per la comunità e per il suo futuro, ed hanno gestito il rischio.

Il patrimonio della Fondazione, negli ultimi tre anni, in un contesto particolarmente agitato per i mercati internazionali, è aumentato di cento milioni di Euro, partendo da 166 milioni di Euro ed essendo ora 263 milioni di Euro. Ed ora, grazie a nuovi investimenti, si sono creati i presupposti per un sostanzioso aumento dei redditi che la Fondazione potrà utilizzare per la seconda delle sue due attività essenziali: creare utilità sociale. Se non si verificheranno ulteriori stravolgimenti dei mercati e della normativa tributaria già dal prossimo anno dovrebbero verificarsi i primi positivi effetti.

Comments are closed.