#masterplanterremoto Il tartufo dei Sibillini

AMANDOLA: 22 OTTOBRE CONFERENZA NAZIONALE DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “IL TARTUFO DEI SIBILLINI”

A ROMA, PRESSO IL RISTORANTE ACCIUGA, SPAZIO ALL’ENOGASTRONOMIA DELLE AREE INTERNE

L’attore protagonista è il tartufo. La Città di riferimento è Amandola. Nato dal connubio perfetto tra l’Amministrazione del Comune di Amandola e la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, il progetto “Il Tartufo dei Sibillini” verrà presentato ed illustrato a Roma, lunedì 22 Ottobre alle ore 12.00, presso il Ristorante Acciuga, sito in Via Vodice 25. Finalizzato a mettere in rete tutti gli interessati alla Filiera del Tartufo dei Sibillini, ha anche l’obiettivo di creare una nuova offerta turistica, che sia in grado di restituire lo slancio che questo territorio colpito dal sisma del 2016 merita.

La Città è stata da alcuni anni ufficialmente riconosciuta come “Citta del tartufo pregiato” e a maggior ragione, l’Amministrazione comunale di Amandola ha la volontà di far ripartire l’economia e le attività impiegate nell’ampio settore del turismo montano. Ci si proietta, anche, verso la creazione di una vetrina a carattere nazionale, che coinvolgerà indiscussi protagonisti dell’alimentazione internazionale.

Il Progetto, inserito nel settore enogastronomico, fa parte del più ampio programma sostenuto e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, denominato “Masterplan Terremoto” e voluto fortemente dalla stessa Fondazione per rilanciare il territorio montano dopo il sisma del 2016. L’ampia iniziativa andrà a sostenere sia l’ambito economico che quello sociale e culturale dell’intera comunità colpita dagli eventi tragici degli ultimi anni. L’importante programma è stato creato grazie alla stretta collaborazione con l’Università di Camerino, la quale, con una mirata ricerca, ha individuato, tra gli ambiti di intervento economico e sociale, il settore destinato allo sviluppo enogastronomico.

Il Progetto “Il Tartufo dei Sibillini” mette in rilievo i prodotti di eccellenza che la Città di Amandola e altri Comuni del territorio montano offrono. La zona del Monti Sibillini, sia dal punto di vista agricolo che agroalimentare, è estremamente ricca di produzioni tipiche non valorizzate a pieno. Grazie a questa iniziativa, la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno insieme alla Città di Amandola offrono un’importante opportunità alla comunità tutta ed alle aziende danneggiate dal sisma, coinvolgendo una rete di partenariato ampia e diversificata.

Comments are closed.