Novanta milioni di euro per rivitalizzare il centro storico e le frazioni di Ascoli Piceno

Ascoli Piceno, 22 luglio 2021 – Il sindaco Marco Fioravanti e il presidente della Fondazione Carisap Angelo Galeati, unitamente a tutti i partner di progetto, hanno accolto con grande entusiasmo la notizia del finanziamento ottenuto dal Comune di Ascoli Piceno nell’ambito del bando “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”, volto alla riduzione del disagio abitativo, culturale e della coesione sociale. Ben 75 milioni di euro (per la precisione 75.087.854 euro) sono stati finanziati attraverso il progetto-pilota “Forme dell’abitare in Ascoli”, classificatosi al 6° posto assoluto in Italia. Il progetto è stato presentato con l’obiettivo di attivare una serie di interventi volti a riabitare alcuni edifici cittadini, attraverso la formula dell’housing sociale o dell’edilizia economica a canone agevolato, sia per incrementare la residenzialità a prezzi contenuti sia per attivare nuovi spazi da utilizzare per attività turistiche, sociali e culturali. Quello di Ascoli è stato uno degli otto ambiziosi progetti “pilota”, alla pari solo di Genova, Milano, Brescia, Bari, Lamezia Terme, Messina e di una proposta in rete da parte della Regione Lombardia.

Tra gli investimenti inseriti nel progetto, figura in primis la riqualificazione multifunzionale di Palazzo Saladini Pilastri: questo diventerà cabina di regia del Centro commerciale naturale del centro storico, nonché centro direzionale del terzo settore. La volontà è quella di aprire anche un albergo etico gestito da persone con disabilità e attivare un polo sanitario solidale per servizi medici alle famiglie in difficoltà, realizzando al contempo un parco pubblico nei giardini del Palazzo. Tra gli investimenti figura poi la riqualificazione di Piazza San Tommaso e quella della ciclopedonale di Lungo Castellano e della rete ciclopedonale urbana. E poi ancora gli interventi di housing sociale nell’edificio di via Giusti e presso la Caserma Vecchi, nonché l’housing intergenerazionale nel Convento di San Domenico. Interventi di residenza pubblica presso le ex caserme di Carabinieri (via Manilia) e Vigili del Fuoco (corso Mazzini), oltre alla realizzazione di un Polo Scientifico, Tecnologico e Culturale nell’area nord del complesso di Sant’Angelo Magno.

Il Comune di Ascoli Piceno si è inoltre classificato al 71° posto per il progetto dedicato alla valorizzazione delle frazioni, che è stato finanziato con 15 milioni di euro.

220391172_1477748572573567_8569213694097825859_n

FC 83/2021

Comments are closed.