Polo solidale I cento cammini, in continua crescita le domande di assistenza

I Cento Cammini

Proponente: Ama Aquilone Cooperativa sociale. Opera dal 1997 nella gestione di strutture di accoglienza socio sanitarie ed educative.

Sede legale: Castel di Lama (AP).

Web: icentocammini.it

Descrizione Progetto: Il progetto offre servizi gratuiti a persone e famiglie in difficoltà economica attraverso il Polo solidale Cento Cammini.

Partner: Ambito Territoriale Sociale XXI e XXII, Unione dei Comuni Vallata del Tronto, Caritas Diocesana di San Benedetto del Tronto, Caritas Diocesana di Ascoli Piceno, Suore Oblate SS Redentore di Ascoli Piceno, Cooperativa Socialcart di Monsampolo del Tronto, Cooperativa Officina 1981 di Castel di Lama, Cooperativa Hobbit di San Benedetto del Tronto, Cooperativa P.F.M. di Ascoli Piceno, Cooperativa Natura ed Ambiente Cupra, Cooperativa Liberi Cantieri Digitali di San Benedetto del Tronto, Ristorante Pizzeria Papillon di San Benedetto del Tronto, Eurosoftware di San Benedetto del Tronto, Associazione Fruit ADV di Spinetoli, Fondazione Ottavio Sgariglia Dalmonte.

Importo ammesso a finanziamento: € 250.000.

Importo erogato al 30/06/2016: € 150.000.

Stato di avanzamento al 30/06/2016. La Convezione con la Fondazione è stata sottoscritta il 21 gennaio 2015. La prima fase progettuale è stata dedicata alla costruzione di una rete di solidarietà a sostegno delle persone in difficoltà economiche e che non riescono ad affrontare situazioni urgenti e basilari (cure dentarie, cure dermatologiche, visite oculistiche). Sono stati quindi formalizzati accordi di convenzione con dentista, ottico, parafarmacia, scuola guida, studio di consulenze legali e studio di consulenze fiscali, ma anche con il mondo profit (ristorazione, turismo, commercio, servizi). È stato attivato il servizio di segretariato sociale, che svolge il colloquio conoscitivo con le persone in stato di necessità, identifica i bisogni e verifica l’effettiva necessità della prestazione richiesta attraverso audit con i partner in rete. Tra marzo 2015 e giugno 2016 il segretariato sociale ha preso in carico 274 persone (168 uomini e 106 donne) di età media quaranta anni. Tra queste persone, 230 persone hanno avviato un percorso di orientamento al lavoro ed a 67 persone è stato attivato un tirocinio o una borsa lavoro; 14 persone sono state assunte dalle aziende dove erano state ospitate; 86 persone sono state inviate dal dentista per cure dentarie (tra cui 5 bambini) e sono state consegnate cinquantasette protesi; 32 persone sono state prese in carico dall’ottico per la dotazione di occhiali da vista; 5 persone sono state inviate in Parafarmacia per acquisto di prodotti medicali non convenzionati con il servizio sanitario; 7 persone sono state seguite dall’avvocato; 5 persone sono state inviate dal consulente fiscale per la valutazione di piani di rientro di debiti con istituti di crediti, consulenza finanziaria e tributaria; 27 persone, di età media trentanove anni, sono state prese in carico dall’ambulatorio gioco d’azzardo patologico e 68 persone hanno contattato telefonicamente il servizio per informazioni. I lavoratori dipendenti coinvolti nel progetto sono 10 (1 coordinatore del progetto, 3 operatori del segretariato sociale, 2 addetti alla segreteria amministrativa, 3 all’ufficio comunicazione, 1 referente dell’ambulatorio per il gioco d’azzardo patologico).

Indicatore sintetico di avanzamento: 60%

Comments are closed.