Page 25 - Bilancio Sociale 2017
P. 25
1.7 TRASPARENZA

La Fondazione opera al servizio della comunità, e alla comunità rende conto del proprio
operato. Il Bilancio rappresenta, in questa direzione, un momento di comunicazione ne-
cessario e privilegiato per illustrare le scelte operate, le attività svolte, i servizi resi sulla
base dei bisogni emersi dall’analisi dei fabbisogni del territorio.
L’attività erogativa avviene attraverso due strumenti principali:
a) Avvisi per la presentazione di progetti, che prevedono l’utilizzo delle
risorse dell’intero triennio del Piano pluriennale per sostenere interventi che impattano su
più annualità e con maggior potenziale di ricaduta territoriale. Prevedono la sottoscrizione
di una convenzione tra Fondazione ed Ente proponente.
b) Richieste di erogazione fuori Avviso, che prevedono l’utilizzo delle
risorse annuali a disposizione del Consiglio di amministrazione con le quali sostenere
iniziative di impatto generalmente più contenuto. Non prevedono necessariamente la sti-
pula di una convenzione specifica tra Fondazione ed Ente proponente. La richiesta avviene
trasmettendo alla Fondazione l’apposita modulistica per la richiesta di erogazioni dispo-
nibile sul sito internet della Fondazione alla voce Contributi.
c) Interventi diretti, ossia interventi programmati, progettati e realizzati diret-
tamente dalla Fondazione anche in collaborazione con enti, istituzioni e organizzazioni
territoriali.
La trasparenza con riferimento alle condizioni di accesso, ai criteri di selezione e agli esiti
del processo d’individuazione delle iniziative di terzi presentate in risposta agli Avvisi per
la presentazione di progetti pubblicati dalla Fondazione, rappresenta elemento di fonda-
mentale importanza, al quale la Fondazione pone particolare attenzione e sul quale eserci-
ta un rigoroso controllo. L’individuazione delle iniziative da sostenere è eseguita dal Con-
siglio di amministrazione dopo aver appurato il rispetto formale dei requisiti richiesti per
la presentazione dei progetti, e sulla base di criteri definiti e pubblicati insieme all’Avviso.
Anche le richieste di contributo presentate alla Fondazione al di fuori degli Avvisi sono
valutate sulla base di informazioni richieste al potenziale beneficiario in merito all’utilità
sociale dell’iniziativa per la quale è presentata domanda di erogazione, con una valuta-
zione in termini di costo e beneficio, di carattere economico, sociale e di sostenibilità del
progetto.
Per quanto riguarda i principi di gestione, monitoraggio e valutazione delle iniziative so-
stenute, la Fondazione definisce e rende noto ai beneficiari tempi e modalità di erogazione
dei contributi concessi, verificando la realizzazione delle iniziative sostenute sia sotto il

24 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ASCOLI PICENO
   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30