Page 50 - Bilancio Sociale 2017
P. 50
.2 LE INDICAZIONI EMERSE STRATEGIA E PROGRAMMAZIONE

A) INCONTRO CON IL TERZO SETTORE E VALUTAZIONI EMERSE
DAI SERVIZI SOCIALI
Durante gli incontri sono stati rilevati i bisogni che richiedono una priorità ed un’attenzione
di intervento così come sono state date indicazioni su ipotesi di soluzioni. Vista l’esigen-
za di assicurare interventi stabili e duraturi, conformi e coerenti con la programmazione
sociale e sanitaria della Pubblica Amministrazione è stato fatto un confronto diretto con i
Servizi sociali territoriali per verificare la fattibilità e, soprattutto, la rispondenza ai bisogni
della comunità. Di seguito vengono riportate le priorità di intervento rilevate:
- gli interventi devono rispondere a criteri di sostenibilità e continuità;
- attenzione alla valutazione ed alla misurazione dell’impatto sociale;
- coinvolgimento dei servizi socio – sanitari;
- costruire una rete fattiva e concreta tra organizzazioni del non profit e tra
terzo settore ed enti pubblici;
- affrontare con interventi mirati il problema della disoccupazione giovanile;
- rispondere alla richiesta di alloggi e assicurare luoghi di accoglienza delle persone
in difficoltà;
- creazione di luoghi di dialogo tra terzo settore e Istituzioni, nonché di collaborazione
tra organizzazioni di terzo settore;
- sviluppare un progetto di rete che favorisca la creazione di un “pronto intervento
sociale”;
- sostenere l’infanzia con una “rete a maglie strette” di servizi educativi e terapeutici
continuativi;
- creare spazi di sostegno e formazione per genitori e famiglie;
- favorire la “decompressione” dei nuclei familiari, attraverso la prevenzione di situazioni
di disagio e la presentazione di proposte ricreative, culturali e di “bellezza”;
- erogazione di borse lavoro come risposta immediata e temporanea di inserimento
lavorativo;
- predisposizione di interventi – inclusa la creazione o l’implementazione di centri
di ascolto - che favoriscono il dialogo tra giovani ed agenzie di socializzazione
primaria (famiglia, scuola), al fine di individuare precocemente eventuali disagi;
- creazione e potenziamento di luoghi e servizi di aggregazione sociale;
- creare una rete tra operatori del territorio per implementare strutture esistenti

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ASCOLI PICENO 49
   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55