Page 61 - Bilancio Sociale 2017
P. 61
REMOTO La Fondazione ha inoltre avviato un processo di verifica documentale ed oggettiva delle
esigenze post sisma tenendo altresì conto degli interventi già previsti, avvalendosi della
partnership con l’Università di Camerino, con la quale è stata sottoscritta apposita con-
venzione per supportare gli organi della Fondazione nell’individuazione delle priorità di
intervento. L’Università degli Studi di Camerino ha pertanto definito una metodologia per
lo sviluppo di una ricerca partecipativa di analisi e mappatura dei bisogni, individuando
tre macro strategie d’area: Investimenti territoriali integrati Area del Piceno (ITI); Strategia
nazionale delle Aree Interne (SNAI); Piano di sviluppo locale (PSL). L’approccio partecipati-
vo della ricerca ha coinvolto attivamente, durante l’intero processo di analisi, soggetti rile-
vanti che operano nel contesto dell’indagine, che ha utilizzato come principale strumento
conoscitivo l’intervista qualitativa. In particolare, sono stati costituiti 5 tavoli di lavoro:
- Imprese e sistemi produttivi.
- Volontariato e cooperazione sociale.
- Agroalimentare ed enogastronomia.
- Turismo, paesaggio ed ambiente.
- Beni culturali, artistici ed architettonici.
Il 12 maggio 2017, presso la sede della Fondazione, si è tenuto il primo incontro parteci-
pativo alla presenza di 45 Stakeholder del territorio. L’incontro ha previsto una sezione in
plenaria ed una sessione tematica con la presentazione degli ambiti tematici e l’ascolto
delle proposte.
Il 19 maggio 2017 si è tenuto il secondo incontro partecipativo con 73 Stakeholder del
territorio.
Dal 26 maggio al 9 giugno 2017 l’Università ha provveduto a realizzare interviste registra-
te a 52 Stakeholder.
Il 15 giugno 2017 l’Università di Camerino ha presentato alla Fondazione la prima relazio-
ne sui risultati dell’indagine contenente una sintesi sull’analisi delle esigenze emerse, ed
il 30 giugno 2017 è stato presentato all’Organo di indirizzo il documento finale di indirizzo
strategico Ritorno al futuro: partecipazione e rinascita, verso un nuovo modello di sviluppo
resiliente, con indicazione, oltre che delle esigenze rilevate, dei criteri adottabili per la
valutazione delle azioni prioritarie da intraprendere.
Di seguito si riportano le principali indicazioni emerse nello studio realizzato dall’Univer-
sità di Camerino, per i singoli ambiti di intervento rilevati.

60 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ASCOLI PICENO
   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66