Page 66 - Bilancio Sociale 2017
P. 66
ettivo n. 3 TERREMOTO
Sostenere il patrimonio architettonico ed artistico attraverso il recupero degli
edifici storici fortemente legati all’identità ed alla storia della comunità anche
quale veicolo di promozione turistica.
Per raggiungere tale obiettivo la Fondazione ha deciso di:

a) Individuare beni culturali ed architettonici particolarmente significativi per il loro va-
lore e per la riconoscibilità in termini di importanza e legame con la storia e le tradizioni
del nostro territorio al fine di procedere direttamente al loro recupero ed alla loro valoriz-
zazione.

Per la realizzazione degli interventi di recupero dei beni culturali sono state stanziate
risorse nel triennio 2017 -2019 pari ad Euro 800.000.
L’obiettivo è quello di incentivare, attraverso il recupero, anche il turismo, considerato che
il bene culturale è un valore non solo in quanto fattore di identità della comunità ma anche
dal punto di vista economico, perché abbinabile ad un sistema di iniziative (dal turismo
all’enogastronomia, ecc.) in grado di rivitalizzare il territorio in difficoltà.
Per la realizzazione di tale intervento il Consiglio ha ritenuto di non ricorrere allo stru-
mento dell’avviso per la presentazione di progetti, evitando la trasmissione di molteplici
richieste con un livello di soddisfacimento delle stesse particolarmente ridotto.
È stato pertanto pubblicato sul sito internet della Fondazione, il 31 ottobre 2017, il formu-
lario per la presentazione di proposte di intervento.
L’intervento è stato promosso costantemente sui mezzi di comunicazione sociale e tramite
l’invio di notiziario telematico, nonché dall’attività di ufficio stampa della Fondazione.
Al 31 dicembre 2017 erano pervenute alla Fondazione due proposte di intervento, ed il
Consiglio di amministrazione della Fondazione non aveva ancora deliberato alcun inter-
vento.

b) Costituire un fondo al quale i detentori di immobili ubicati nei centri storici dei comuni
inseriti nel cratere sismico possono accedere per coprire parzialmente i costi delle verifi-
che di vulnerabilità degli edifici, a tutela della incolumità delle persone.

Per la realizzazione di tale intervento sono state stanziate nel triennio 2017 -2019 risorse
fino ad un massimo di Euro 400.000.
I proprietari di immobili ubicati nei centri storici dei comuni inseriti nel cratere sismico
possono accedere ad un fondo costituito per coprire parzialmente i costi delle verifiche

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ASCOLI PICENO 65
   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71