Page 67 - Bilancio Sociale 2017
P. 67
REMOTO tecniche di vulnerabilità sismica degli edifici. L’accesso al fondo permette di ottenere
un contributo economico pari ad Euro 1.000 (==mille/00==) per ogni verifica tecnica di
vulnerabilità sismica e per ogni proprietario, a condizione che vengano documentati: i) la
residenza nei centri storici dei comuni inseriti nell’area del cratere sismico, ii) la proprietà
dell’immobile e la residenza nell’immobile per il quale viene richiesto l’accesso al fondo,
iii) un reddito familiare ISEE annuale non superiore ad Euro 40.000.
Il formulario per la richiesta di contributi è stato pubblicato sul sito della Fondazione il 27
ottobre 2017, ed è stato costantemente promosso sui mezzi di comunicazione sociale e
tramite l’invio di notiziario telematico, nonché dall’attività di ufficio stampa della Fonda-
zione.
Al 31 dicembre 2017 non erano pervenute alla Fondazione richieste di intervento.

Obiettivo n. 4
Evitare lo spopolamento delle aree montane proponendo percorsi accademici,
formativi ed esperienziali a beneficio dei giovani da coinvolgere anche in atti-
vità di impresa cooperativa, con la presenza attiva del sistema universitario e
delle eccellenze nazionali nella ricerca agroalimentare. Attirare nuove profes-
sionalità e giovani che sempre più difficilmente riescono a trovare una colloca-
zione formativa e accesso al mondo del lavoro.
Per raggiungere tale obiettivo la Fondazione ha deciso i seguenti interventi:

a. Realizzare in collaborazione con l’Università di Camerino, nel comune di Amandola,
corsi di formazione e perfezionamento dotati di riconoscimento accademico e master di
primo e secondo livello per la formazione di: giovani diplomati e laureati provenienti dalle
zone circostanti e da altre regioni, stranieri che hanno acquistato immobili nel territorio
per avviare attività agricole.

Per la realizzazione di tale intervento la Fondazione ha stanziato nel triennio 2017 -2019
risorse pari a Euro 400.000. Si è istituito un tavolo tecnico di lavoro con il Comune di
Amandola, i referenti dell’Unicam e un consigliere della Fondazione unitamente alla strut-
tura della Fondazione, al fine di addivenire ad una proposta di collaborazione per la re-
alizzazione di corsi di formazione e perfezionamento sull’area montana per le tematiche
relative al paesaggio, all’ambiente, all’enogastronomia ed al turismo.
Al 31 dicembre 2017 era in fase di elaborazione un documento di lavoro e di progettazione
esecutiva dell’intervento, strutturato nelle seguenti attività:

66 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ASCOLI PICENO
   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72