Page 73 - Bilancio Sociale 2017
P. 73
REMOTO L’intervento dell’Acri a favore delle popolazioni colpite dal sisma - In aggiunta
alle somme stanziate dalla Fondazione nel Piano pluriennale 2017 – 2019, l’Acri, Associa-
zione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa, ha promosso una raccolta fondi di Euro
3.092.265,10 fra le Fondazioni di origine bancaria da destinare alle popolazioni colpite
dagli eventi tellurici che hanno interessato i territori delle regioni Umbria, Marche, Lazio
e Abruzzo.
Il Consiglio di Acri del 2 novembre 2016 ha deliberato di destinare le somme stanziate
alla realizzazione di iniziative da individuare d’intesa con i Coordinatori delle Consulte
regionali di Fondazioni delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria i cui territori sono
stati colpiti dagli eventi sismici.
I coordinatori delle Consulte regionali di Fondazioni delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche
e Umbria hanno formulato al Consiglio Acri del 14 dicembre 2016 una proposta diretta al
sostegno finanziario delle economie locali attraverso la creazione di un fondo di garanzia
che faciliti l’accesso al credito di micro, piccole e medie imprese, ivi comprese quelle del
settore agroalimentare, che intendano investire sui territori colpiti.
Il Consiglio di Acri nella seduta del 22 febbraio 2017 ha condiviso la proposta dei coor-
dinatori delle Consulte territoriali avvalendosi della collaborazione dell’istituto bancario
Intesa San Paolo Spa, che è il gruppo creditizio che presenta una rete di sportelli più capil-
lare sui territori interessati, affidando alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno
il ruolo di coordinatore dell’iniziativa.
Acri ha pertanto incaricato la Fondazione, tra l’altro, di porre in essere gli atti operativi
necessari per dare esecuzione all’iniziativa di cui al Protocollo medesimo, nonché a prov-
vedere al monitoraggio delle operazioni e alla verifica del corretto utilizzo delle risorse,
ivi compresa la specifica definizione delle modalità di rendicontazione dell’attività svolta.
A tal fine, è previsto, tra l’altro, che ACRI accrediterà alla Fondazione i proventi della
suddetta raccolta fondi, di tal che la Fondazione, per conto di ACRI stessa, provveda alla
destinazione del relativo importo alla costituzione del citato “fondo di garanzia” ed alla
gestione del fondo medesimo. La Fondazione, con periodicità semestrale, provvederà ad
aggiornare Acri circa lo stato di attuazione delle operazioni individuate per l’utilizzo delle
risorse, nonché a trasmettere la documentazione che Acri dovesse richiedere al fine del
riscontro dell’attuazione degli impegni previsti.
I beneficiari dell’intervento sono micro, piccole e medie imprese, come definite dalla Rac-
comandazione 2003/361/CE della Commissione Europea, titolari di attività con sede ope-
rativa ubicata in uno dei Comuni individuati dal Consiglio dei Ministri nella seduta n. 126
del 25 agosto 2016, dal Decreto del MEF dell’1.09.2016, dal Decreto Legge n. 189 del 17
ottobre 2016 - art. 48 lettera g e dagli allegati n. 1 e 2 (della Legge n. 229 del 15.12.2016).
Sono considerati ammissibili investimenti destinati al ripristino o alla riconversione

72 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ASCOLI PICENO
   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78